Istruzioni per la Fusione e la Colatura dell'Opale #300

Opale #300 è un colore striking come il Rubino Oro #221, ma invece di produrre grandi concentrazioni metalliche d’oro quando è trattato ad una certa temperatura, le particelle che si creano sono goccioline di piombo fosfato. Mentre aumentano ed ingrandiscono s’interferisce sulla trasparenza. Il risultato è un grado variabile di semi-chiarezza od opacità molto densa.

Noi vi diamo il materiale crudo in uno stato trasparente dove il potenziale d’opacità è latente. E’ addittivato con una quantità molto piccola d’Ossido di Neodymium, per distinguerlo dal Chiaro/Trasparente # 210. Richiede il trattamento a caldo ad una certa temperatura e per una determinata quantità di tempo per sviluppare risultati molto opachi.

Versare il vetro nello stampo alla stessa temperatura del resto della fase di fusione, i.e. 800-850oC (1470-1580oF). Abbassare successivamente la temperatura a 620-650oC (1150-1200oF). Tenere a questa temperatura per almeno 15-30 minuti. E’ difficile dare una prescrizione esatta dei periodi e delle temperature, per i parametri individuali del forno, la posizione della termocoppia e la precisione della stessa e la densità dello stampo. E’ una buon’idea sperimentare su piccola scala per iniziare, l’ideale è utilizzare campioni da tirare fuori dal forno alle temperature di striking, in modo da poter essere esaminati. Dipendendo dal periodo e dalla temperatura, potete realizzare effetti opaline che vanno da semitrasparenza ad un opale denso bianco.

Ci sarà un limite alla realizzazione del fenomeno d’opale diluendo il vetro usando anche altri colori. Non provate più di 3 parti di Opale / 1, con qualsiasi altro colore quando mescolate in un serbatoio.

Newsletter

Movie