Istruzioni Per l'uso di Gaffer® Rubino Rame #075

La Gaffer Glass ha formulato un nuovo Rubino Rame appositamente richiesto per i lotti di produzione di soda-lime tipici che si usano nello studio. Siccome ha caratteristiche di viscosità simili ad una soda-lime normale, c’è meno possibilità che il colore faccia “strike” durante la ricottura, e che il colore diventi troppo scuro, opaco, e forse anche troppo a pois, o “hæmatinone”. Per “strike” s’intende Il cambiamento del colore nella superficie di un vetro dopo che lo stesso è stato riscaldato con calore intenso sulla sua superficie. Questi errori sono spesso causati dal fatto che le ricette tipiche del Rubino Rame – con la base di mina – hanno una temperatura di ricottura più bassa rispetto a quelli basati in soda-lime.

Gaffer Glass ha fatto tutto il possibile per mantenere le condizioni ideali durante la manipolazione del vetro, ma siamo subordinati alla vostra caparbietà per la produzione di un ottimo colore. A differenza d’altri colori “striking” che hanno una base d’oro o argento (o anche dei vetri al cadmium selenio) che non cambiano molto dopo esser stati “struck” sotto condizioni controllate nel nostro studio, il Rubino Rame ha bisogno anche di voi per ottenere risultati eccellenti.

Il Rubino Rame è spontaneamente un colore forte, ed è più bello quando il lampeggiamento viene lavorato uniformemente e minuziosamente (idealmente non più di 0.5 mm per una forma chiusa, forse 1 mm per un piatto aperto). Generalmente tende a preferire periodi di lavorazione brevi. Il colore svanisce quando il vetro è scaldato fortemente, torna invece quando viene raffreddato e quando può “strike” lentamente. Questo è normale.

Dopo aver soffiato l’opera, è molto importante sperimentare con la temperatura e il tempo nel forno di ricottura per conseguire la sfumatura e la densità giusta del colore. Periodi troppo brevi ad una temperatura bassa (sotto 480oC / 896oF) possono causare difficoltà con lo strike. Se tenuto per troppo tempo a 520oC+ (970oF+) però, il colore potrebbe diventare troppo scuro ed un po’ opaco, sopratutto se il lampeggiamento è troppo denso. State attenti: una temperatura troppo elevata può impedire lo striking del colore.

La maggior parte dei forni di ricottura tendono ad avere temperature irregolari. Parecchi pezzi di Rubino Rame, secondo dove vengono sistemati all’interno del forno, farà strike in tempi diversi con intensità di sfumatura diverse. Il Rubino Rame è molto sensibile come indicatore di graduazioni di temperature in forni di ricottura. Per prima cosa mettete alla prova alcuni pezzi da esaminare. Un “garage” o un “toaster” possono essere utili per osservare le dinamiche del colore. Di solito, aumentando il tempo e la temperatura, il colore cambierà da trasparente a rosso sangue. Uno strike eccessivo causa l’opacità.

Dalla nostra esperienza, utilizzando le nostre condizioni il colore adotterà una sfumatura gradevole a circa 500oC (932oF) dopo circa 20-30 minuti, ma tutto dipende dalla densità del lampeggiamento. Per realizzare opere verso la fine del giorno, un’esposizione breve di calore fino a 520o -550oC (970o-1020oF) farà sviluppare rapidamente il colore. Dopo, la temperatura d’immersione può essere abbassata ai limiti più bassi della fase di ricottura, per interrompere la crescita del colore e per prevenire uno strike eccessivo (i.e. 460oC).

Newsletter

Movie